1° Congresso Scientifico per l'Ortodonzia con Allineatori Dentali

Oltre 300 partecipanti: un vero e proprio successo

Stoccarda, 6.12.2010

Grazie a 320 partecipanti, 32 relatori di calibro internazionale e 18 partner del modo industriale, il 1° Congresso Scientifico per l'Ortodonzia con Allineatori Dentali tenutosi il 26 e 27 novembre 2010 a Colonia è stato un vero e proprio successo. L'organizzatore, cioè la Deutsche Gesellschaft für Aligner Orthodontie e.V. (DGAO), è soddisfatta della straordinaria risonanza suscitata dal suo primo congresso.

Per due intere giornate, le sale convegni del rinomato hotel InterContinental di Colonia hanno ospitato relazioni specialistiche sui più svariati aspetti riguardanti tutti gli attuali sistemi di trattamento con allineatori dentali. Il pubblico interessato ha potuto confrontarsi con rinomati esperti di calibro internazionale in una piacevole atmosfera. Il 1° Congresso Scientifico per l'Ortodonzia con Allineatori dentali è stato il più grande evento indipendente dal mondo della produzione ad offrire un forum assolutamente mirato sulla terapia con allineatori dentali.

Nella giornata di venerdì si è tenuto un evento pre-congressuale sul tema "Fatturazione e aspetti legali". Nel suo discorso introduttivo intitolato "Possibilità di rimborso, di autorizzazione e convenienza dell'ortodonzia con allineatori dentali", il Prof. Robert Fuhrmann da Halle ha richiamato l'attenzione fra l'altro sulle difficoltà derivanti dalla nuova Versicherungsvertragsgesetz (Legge federale sui contratti di assicurazione). I temi forensi specifici sono stati integrati dal sig. Dirk Franke e dal sig. Marek Abram che hanno trattato il punto di vista degli assicuratori (DAEV/AXA), mentre la sig.ra Alexandra Petersen di pvs mefa reiss è intervenuta in modo pregnante sul rapporto professionale con i soggetti preposti al rimborso. L'evento pre-congressuale, interessante per i numerosi ortodontisti professionisti, è terminato con l'intervento dell'avvocato Michal Zach, che ha fatto chiarezza soprattutto sugli aspetti giuridici del trattamento con allineatori dentali. Il successivo congresso principale, tenutosi nelle giornate di venerdì e sabato, è stato moderato con maestria nel suo esteso programma scientifico dal Prof. em. Rainer-Reginald Miethke (Doha, Katar), Presidente della DGAO e.V.. Nel suo illuminante intervento introduttivo, egli ha descritto la storia dello sviluppo degli allineatori dentali, dagli inizi nel periodo post-bellico al lancio sul mercato del sistema Invisalign negli Stati Uniti e in Europa a cavallo del nuovo secolo, fino alla diffusione delle attuali indicazioni della terapia con allineatori dentali. Il programma ha affascinato per i numerosi interventi di esperti nazionali e internazionali (Italia, Austria, Svizzera, USA e Corea) sull'applicazione degli allineatori dentali sia dal mondo clinico che universitario. Ad esempio, sulla tecnica e sull'applicazione clinica del sistema Clear Aligner sono intervenuti il Dr. Tae Weon Kim (Corea) e, con una relazione piacevolmente pragmatica, il Dr. Bruno Wilhelmy, titolare di uno studio a Duisburg. Nella sua presentazione, la Dott.ssa Julia Haubrich, Presidente dei Congressi, ha mostrato i risultati del trattamento delle seconde classi con il sistema Invisalign, mentre il Dr. Werner Schupp sempre da Colonia ha illustrato l'indicazione di Invisalign soprattutto nel trattamento delle disfunzioni cranio-mandibolari. Il complesso tema dei trattamenti delle terzi classi in combinazione con interventi ortodontici è stato trattato dal Dr. Boris Sonnenberg da Stoccarda in una presentazione come sempre perfetta. Le possibilità e i limiti della terapia estrattiva con il sistema Invisalign sono stati oggetto dell'intervento di uno dei massimi esperti utilizzatori del sistema, il Dr. Marko Tribò da Zurigo (CH). Invece, nella sua esposizione dettagliata e al tempo stesso piacevole da seguire, il Dr. Thomas Drechsler da Wiesbaden è riuscito a chiarire al pubblico interessato i vantaggi ottenuti dal trattamento di bambini e adolescenti con il nuovo prodotto Invisalign Teen di Align Technology, studiato appositamente per le esigenze dei pazienti in questa fascia d'età. Un'interessante esposizione sulle future innovazioni della ditta Align Technology Inc. è stata presentata dal Dr. Mitra Derakhshan (USA), con un'anteprima sulla versione G3 di Invisalign, che verrà lanciata il prossimo anno. Quando si tratta di perfezionamenti nel campo della moderna ortodonzia, non può mancare l'intervento del Prof. Hinz (Herne), che, in questa occasione, ha illustrato in modo impressionante i rapidi risultati ottenuti con il posizionatore ELASTO, presentato la tecnica Lamitec® e, al tempo stesso, richiamato l'attenzione sulle nuove possibilità della ritenzione senza fili metallici con elementi di ritenzione in ossido di zirconio (ortho-circ®). Il Dr. Bärbl Reistenhofer da Vienna (A) ha dato un'idea del nuovo gruppo target dei suoi pazienti, costituito da clienti attenti al lifestyle, uomini d'affari, di spicco, artisti, insomma persone a cui la tecnologia Invisalign può ora offrire trattamenti di successo. Dall'Italia, il Dr. Andrea Bazzucchi ha messo in risalto l'importanza della collaborazione interdisciplinare per ottenere risultati terapeutici esteticamente perfetti con l'ausilio della terapia Invisalign. Sono stati inoltre presentati altri sistemi che utilizzano allineatori dentali, ad es. il prodotto tedesco Alphalign®, nell'intervento congiunto del Dr. Uwe Peterseim e della Dott.ssa Jutta Hüsch condotto da un'interessante prospettiva. Il Dr. Roland Jonkmann ha chiarito il meccanismo di azione degli apparecchi Essix A e Essix C di Dentsply Raintree Essix® secondo i principi biomeccanici di forza + posto + tempo, postulati a suo tempo da uno dei pionieri della terapia con allineatori dentali, il Dr. Jack Sheridan.

Il gruppo di lavoro intorno al Dr. Jochen Langer e al Dr. Sebastian Zingler (Università Tecnica di Darmstadt/Università di Heidelberg) ha presentato i numerosi contributi scientifici di diverse scuole universitarie tedesche e italiane mediante uno sguardo minuzioso attraverso il microscopio elettronico a scansione 3D nella rappresentazione e analisi dei denti in seguito a riduzione prossimale dello smalto. La Dott.ssa Elena Krieger (Università di Magonza) ha presentato all'auditorium un lavoro di ricerca su analisi metriche relative alla precisione dei trattamenti con allineatori dentali, richiamandosi anche ad altri studi (Simeon Haag). Una presentazione corredata da una precisa valutazione scientifica di quali movimenti dentali si ottengono efficacemente con un allineatore è stata fornita dal Dr. Christoph Bourauel dell'Università di Bonn, sebbene egli abbia concluso il suo discorso con un'affermazione laconica in dialetto renano sulle forze effettivamente efficaci: "ma weset net!" (Non si sa). L'esatto meccanismo di funzionamento con cui il Compliance Indicator (indicatore di collaboratività) di Invisalign da blu diventa trasparente è stato invece chiaramente spiegato dal Dr. Tim Schott (Università di Tubinga). Nel suo studio fondato, condotto congiuntamente con il Dr. Bert Braumann e il Dr. Jörg Schwarze, la signora Isabelle Schaefer è riuscita a dimostrare scientificamente che intervengono solo influenze trascurabili di alitosi o limitazione della qualità di vita nel trattamento con allineatori dentali. La Dott.ssa Maria Paola Guarneri dell'Università di Ferrara (I) ha fatto un'esposizione di carattere biomeccanico sulle possibilità di rappresentazione con indicatori in pasta fluorescenti delle forze applicate nella tecnica Invisalign.

Questo congresso eclettico, che ha fatto luce sui più svariati sistemi di allineatori dentali presenti sul mercato sia da un punto di vista dell'applicazione clinica che della ricerca scientifica, è culminato nel conferimento del titolo di socio onorario della DGAO al Professor Giuseppe Siciliani dell'Università di Ferrara (I) in virtù dei particolari meriti da lui ottenuti nella formazione e nella ricerca nel campo dell'ortodonzia con allineatori dentali. Il 1° Congresso Scientifico della Deutsche Gesellschaft für Aligner Orthodontie a Colonia si è concluso con successo nella serata di sabato con il contributo estremamente coinvolgente e vivace del Dr. Stephan Höfer sul piacere e gli effetti che pazienti e personale di studio possono sperimentare con le tecniche dello sbiancamento dentale, nonché con l'interessante intervento finale del Dr. Jörg Schwarze, che ha riepilogato le prospettive e gli attuali limiti del trattamento con allineatori dentali.

Complessivamente, i partecipanti hanno lodato il buon umore e la piacevole atmosfera che si è percepita presso l'InterContinental Hotel. "Un sentito ringraziamento a tutti i responsabili per il super congresso!!!! Nel 2012 non mancherò e non vedo già l'ora di essere lì", ha scritto una partecipante al termine del congresso. Un grande elogio è stato espresso anche da parte dei partner del settore industriale dell'esposizione dentale che ha accompagnato il congresso. "Non avevamo previsto un tale interesse!", così ha commentato ad esempio l'espositore Komet, mentre pvs mefa reiss si è dichiarata "estremamente soddisfatta del congresso". Anche Align Technology è rimasta "positivamente sorpresa dall'elevato numero di partecipanti".

Data questa positiva risonanza, anche il prossimo congresso scientifico fra due anni si terrà sempre a Colonia. Questa volta presso il Gürzenich. L'appuntamento è fissato per il 23 e 24 novembre 2012.

 

Nota:

Il materiale fotografico adatto alla stampa e gli abstract degli interventi possono essere richiesti all'indirizzo info@dgao.com oppure dr.drechsler@kfo-wiesbaden.de

Go back